IT  EN 

Ambiente e natura


  

Segreteria unificata con Idro Ecomuseo delle Acque di Ridracoli
tel. 0543 917912
@ ladigadiridracoli@atlantide.net                                                            

 

All'interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, a un'altitudine di 700 m s.l.m., si trova il Giardino Botanico di Valbonella, da 30 anni un vero e proprio museo all'aria aperta.

In circa due ettari ospita le ricostruzioni dei principali ambienti vegetali dell'Appennino romagnolo, con circa 300 specie, spesso rare e incluse nella flora regionale protetta. Il Giardino si visita percorrendo i sentieri di tre percorsi tematici: il bosco, il torrente e gli spazi aperti.

Dal punto di vista della flora  è possibile ammirare specie sia piante autoctone, come l’orniello, il ginepro e il carpino nero, sia specie alloctone, “importate”, tra le quali il pino nero e il cotogno. Tra le querce si conta il cerro, la roverella, il leccio, la rovere e la sughera. E' possibile anche vedere tigli, aceri, tassi e agrifogli che in autunno offrono un magnifico spettacolo per i loro colori. L’abete bianco si trova qui accanto al faggio nella fascia più bassa dell’orizzonte della faggeta dove il suolo è ricco e dove si può trovare anche il pungitopo.. Nelle zone umide, nei pressi di torrenti, stagni e falde acquifere, si possono trovare specie arboree come l’ontano nero, il salice bianco e il pioppo nero.
Per quanto riguarda la fauna in primavera l'oasi si caratterizza inoltre per la presenza di animali come il tritone crestato, la piccola rana rossa, la salamandra pezzata, il coleottero acquatico e la libellula.

 

Galleria fotografica